I migliori essiccatori

I migliori essiccatori attualmente in commercio non sono facilissimi da individuare, per un motivo molto semplice: l’offerta di mercato è davvero ampia, e l’essiccatore è uno strumento tecnologicamente semplice, per cui, tra i modelli dal prezzo più abbordabile, si riscontra una certa omogeneità di caratteristiche da un modello all’altro. Facilissimo, quindi, rimanere confusi davanti a un’offerta tanto ampia quanto apparentemente omogenea.

Ma niente paura! Ci pensiamo noi a risparmiarvi il tedioso compito di sfogliare pagine su pagine online, cercando di capire le differenze tra un essiccatore e l’altro. Qui di seguito trovate la nostra selezione dei migliori essiccatori per ogni esigenza.

Affidatevi alla nostra guida e acquistate quindi a colpo sicuro!

Il migliore per chi vuole spendere poco

Beper 90.506

Chi ha imprescindibili esigenze di budget può andare sul sicuro acquistando il Beper 90.506. Si tratta di un essiccatore a torre dotato di cinque vassoi di essiccazione in plastica trasparente, con una discreta altezza di 4 cm ciascuno. È presente un termostato che permette di impostare la temperatura da 35 a 70 °C, a seconda di che cosa si voglia essiccare. Vista la fascia di prezzo, i materiali plastici non sono forse i più resistenti che si trovino in commercio, ma basta fare attenzione, soprattutto durante la pulizia, e dureranno quanto quelli di altri modelli più blasonati. Le funzioni offerte si fermano però qui: niente timer, niente spegnimento automatico.

Altre caratteristiche del Beper 90.506:

  • Spia di accensione: il pulsante di avviamento contiene una luce rossa che vi segnala in ogni momento lo stato di attivazione dell’essiccatore, così che non ve lo dimentichiate acceso
  • Temperatura sotto controllo: la presenza di un termostato integrato è un dettaglio particolarmente gradito anche a chi segue una dieta crudista e vuole essere sicuro di essiccare sempre i suoi alimenti a una temperatura moderata
  • Istruzioni esaurienti: la guida per l’utilizzatore aiuta anche chi è alle prime armi a essiccare tutto alla giusta temperatura e per il giusto tempo, grazie a una tabella che fornisce le indicazioni per un gran numero di alimenti
  • Bilanciamento fai-da-te: poiché i vassoi più vicini al motore rimangono più caldi rispetto a quelli più distanti, è necessario scambiare di posto i vari piatti durante l’essiccazione per garantirsi un risultato omogeneo
  • Facile da pulire: la pulizia dell’essiccatore dopo l’uso è molto semplice, basta lavare a mano i vassoi e passare un panno umido sulla base motore


Il migliore senza fronzoli

Severin OD 2940

Chi è specificamente alla ricerca di un essiccatore privo di qualunque funzionalità aggiuntiva può prendere in considerazione il Severin OD 2940. Anche in questo caso si tratta di un essiccatore a torre con cinque vassoi di plastica trasparente, impilabili e con due impostazioni di altezza: 1,2 e 2,5 cm, per un diametro di 31 cm. L’essiccatore Severin non offre altre funzionalità: non è presente un timer e nemmeno un termostato, per una temperatura di funzionamento fissa che va dai 70 agli 85 °C a seconda del vassoio. Sulle tempistiche e sulla gestione dei vassoi dovrete quindi regolarvi da voi.

Altre cose da sapere sul Severin OD 2940:

  • Consumi moderati: l’essiccatore Severin appartiene alla classe di assorbimento più bassa per questo tipo di apparecchio, con 250 W assorbiti che moderano il costo del funzionamento protratto
  • Acceso e presente: il tasto di accensione contiene al suo interno una spia luminosa rossa che attira la vostra attenzione e vi ricorda che il vostro essiccatore è acceso
  • Vassoi regolabili: la comodità dei vassoi ad altezza regolabile è quella di poter decidere a che spessore affettare i cibi che volete seccare, senza essere necessariamente costretti a fare sempre fette sottilissime per riuscire a stare nell’altezza fissa
  • Temperatura regolata “a mano”: la temperatura di funzionamento è fissa, ma è leggermente inferiore nei vassoi più lontani dalla fonte di calore. Per questo potete giostrare voi stessi i vassoi durante il procedimento per ottenere un’essiccazione omogenea su tutti i ripiani
  • Istruzioni complete: in dotazione trovate un buon libretto d’istruzioni che vi aiuterà a individuare i tempi di essiccazione giusti per ogni alimento


Il miglior rapporto qualità/prezzo

Reber Artus D03

Chi cerca un buon compromesso tra prezzo e funzionalità può orientarsi sul Reber Artus D03. Siamo sempre nel dominio degli essiccatori a torre, con i classici cinque vassoi di plastica trasparente, alti 3,3 cm con un diametro di 32. Il punto di forza di questo essiccatore rispetto ad altri nella stessa fascia di prezzo è la presenza sia del termostato sia del timer con spegnimento automatico. Il primo permette di impostare temperature dai 35 ai 70 °C, mentre il timer arriva fino a 72 ore. L’essiccatore lascia quindi libero il suo utilizzatore di allontanarsi anche a lungo, senza bisogno di restare in casa ad aspettare il momento di spegnere.

Ulteriori caratteristiche del Reber Artus D03:

  • Consumi bassi: l’impatto energetico dell’essiccatore Reber è tra quelli più contenuti, oscillando tra i 230 e i 260 W a seconda della temperatura impostata
  • Attenzione ai vassoi: come spesso accade negli essiccatori a torre, anche in questo modello il vassoio più vicino al motore rimane più caldo rispetto a quello più lontano, e conviene quindi scambiare di posto i vari cassetti per ottenere risultati omogenei
  • Facile da pulire: le grate in plastica, dopo l’uso, si possono lavare in acqua tiepida e detersivo, o anche semplicemente passate con un panno umido se non sono tanto sporche
  • Torretta: le dimensioni di questo essiccatore sono nella media, con i 32 cm di diametro dei vassoi e i 28 cm di altezza complessiva con il coperchio inserito


Il migliore in assoluto

Biosec Domus B5

Chi cerca solo il meglio senza badare a spese sarà sicuramente interessato al Biosec Domus B5. Si tratta stavolta di un essiccatore a tunnel, in cui i cassetti non sono impilati l’uno sull’altro al di sopra del motore, bensì infilati in un tunnel di essiccazione con la ventola a un’estremità e una grata di uscita all’altra. Il design a tunnel è sì un po’ più ingombrante rispetto a quello a torre, ma offre il vantaggio di una distribuzione più omogenea del calore. Inoltre, il sofisticato motore Dryset Pro di questo essiccatore è dotato di una ricca scelta di programmi preimpostati, che controllano temperature, tempistiche e velocità di aerazione in un equilibrio ideale per i diversi tipi di alimenti. Sono disponibili anche ulteriori versioni: Domus B10, con 10 cassetti anziché cinque; Silver B5-S e B10-S, con l’elegante tunnel in acciaio; De Luxe B6 e B12, interamente in acciaio, con 6 e 12 cassetti rispettivamente anziché 5 e 10.

Altri pregi del Biosec Domus B5:

  • Assorbimento moderato: il consumo massimo di questo sofisticato essiccatore è di 480 W, più elevato rispetto ai prodotti di fascia inferiore, ma capace di garantire risultati ottimi in tempi inferiori
  • Ben sette programmi: il motore Dryset Pro ha preimpostati i programmi ideali per ogni esigenza. Per chi segue una dieta crudista, per funghi e fette sottili, per le carni, per la pasta fresca fatta in casa, per l’uso notturno, per il risparmio energetico e il programma jolly che va bene un po’ per tutto
  • Temperatura sotto controllo: le temperature preimpostate per l’uso manuale, senza programmi e senza un’impostazione di tempo, vanno dai 20 ai 60 °C
  • Modulare: un altro vantaggio del design a tunnel è la sua modularità, vale a dire che, se doveste desiderare più superficie di essiccazione, potete comprare un ulteriore modulo da cinque cassetti da attaccare al primo, raddoppiando così la capacità dell’essiccatore
  • Lungo: come detto, l’ingombro è un po’ più impegnativo rispetto a un essiccatore a torre: il Domus B5 è lungo 45 cm, che raddoppiano se acquistate ulteriori cassetti. L’altezza e la profondità sono entrambe di 27 cm
  • Ricettario incluso: in dotazione nella confezione trovate anche l’ottimo ricettario, che vi svelerà tutto il potenziale dell’essiccazione in cucina
  • Guida completa: il manuale d’istruzioni in dotazione spiega approfonditamente tutto quello che c’è da sapere sia sull’essiccazione in sé, sia sull’uso dei programmi preimpostati del Domus B5